IL FATO DI FAUSTO
Una favola dipinta
Oliver Jeffers

Zoolibri, 2021

Fiore, pecora, albero, lago, montagna: tutto sembra appartenere e piegarsi al volere di Fausto, un uomo “convinto di possedere ogni cosa”, impaziente di contare i propri averi.

Ma di fronte al mare, alla sua immensa fermezza e inafferrabilità, non c’è nulla da fare: chiunque voglia comandare è costretto a cedere.
Il mare interroga l’uomo su cosa significa possedere, amare e capire e lo lascia solo con le sue domande inadeguate fino a scomparire, mentre tutte le altre cose tornano alla loro vita.

Recensioni

DILETTA COLOMBO

Gilgamesh, Ulisse, Faust, Fausto: l’umanità è sempre in viaggio per cercare un significato e un valore per la vita.
Oggi, la cura del pianeta e la salvezza della biodiversità in tutte le forme chiama l’uomo fin dall’infanzia a un confronto faccia a faccia, senza via di scampo, con la natura, per un cambiamento sociale, prima che ecologico.
«”Come puoi amarmi se non puoi capirmi?” chiese il mare a Fausto».
“Gli animali e gli alberi insegnano a non sapere, a tollerare di stare al mondo senza l’ossessione di capire. La loro assenza di controllo mi pare renda il loro mondo non più minuscolo, ma anzi vastissimo, misterioso. Sanno abbandonarsi, conoscono e insegnano una fiducia primaria e radicale”. (Chandra Livia Candiani, Questo immenso non sapere, Einaudi 2021).

DEVORAH BLOCK

Questa favola universale, incentrata sul rapporto dell’uomo moderno con il mondo naturale, apre ad una miriade di conversazioni e riflessioni. Le imperiose sfuriate di Fausto, rappresentate con forte espressività dall’autore, sono una grande invito nel considerare i modi in cui esprimiamo le nostre emozioni, i nostri desideri e come le nostre azioni possano apparire agli altri (comprese le distanze tra intenzione e risultato, tra la percezione del sé e l’aspetto esteriore). La vita e la morte di Fausto, raccontate in queste pagine, fungono anche da catalizzatore di domande importanti: Quando ce ne andremo, importerà a qualcuno? È una cosa buona o cattiva? E perché? Le letture e riletture del testo sono in grado di rivelare ogni volta nuove stratificazioni di senso, comprese le conversazioni sul tema proprietà, su cosa significa comandare e sull’uso strategico della pazienza per affrontare i prepotenti che incontriamo nella nostra vita.

Potrebbe interessarti anche

Duello al sole

Manuel Marsol Orecchio Acerbo, 2020 Scopri di più

Però

Gex Tessaro Lapis, 2021 Scopri di più
Grazie al sostegno di
Fondazione Berti
Un ringraziamento speciale
The Marlene and Paolo Fresco Foundation
Francesco Brioschi
Miel de Botton
Francesco Baggi Sisini
Circi
Circi

Contatti: Associazione Centro Internazionale di Ricerca della Cultura del’Infanzia
Via Brera 28 | 20145 Milano (Italia) | CF 97916010156

© 2022 CIRCI
Design and development by Viva!
ITA/ ENG